Vai al contenuto principale

Guida iniziale alle connessioni di analisi

Prima di poter creare e caricare connessioni di machine learning, sarà necessario creare e distribuire, oppure accedere a modelli di machine learning di terze parti che espongono gli endpoint API basati su REST.

Sono presenti svariate piattaforme di terze parti in cui è possibile creare, addestrare e distribuire modelli di machine learning, come:

  • Azure ML

  • Amazon SageMaker

Addestrare un modello di classificazione con AutoML senza codice nello studio Azure Machine Learning

Guida iniziale ad Amazon SageMaker

Abilitazione delle connessioni di analisi per gli endpoint di machine learning

Gli endpoint di machine learning sono disabilitati per impostazione predefinita.

Gli amministratori tenant possono abilitare gli endpoint di machine learning in Management Console sotto Controllo funzionalità nella finestra Impostazioni.

Utilizzo delle connessioni di analisi e della sintassi delle estensioni lato server

Le connessioni di analisi possono inviare dati a endpoint di machine learning esposti esternamente per effettuare calcoli; i dati restituiti possono essere caricati in un'app Qlik Sense.

Gli script di caricamento dei dati e le espressioni del grafico sono due modi in cui è possibile aggiungere connessioni di analisi a un'app Qlik Sense. Sia le funzioni di estensione lato server (SSE, Server-Side Extension) sia i parametri vengono elaborati all'interno di Qlik Sense, quindi vengono convertiti in richieste REST inviate ai modelli di machine learning. Gli script di caricamento SSE e le espressioni del grafico devono rispettare la sintassi SSE. Vedere Sintassi delle estensioni lato server.

Script di caricamento dei dati

  • È possibile restituire una tabella dalla chiamata SSE e caricare i dati dalle connessioni di analisi usando l'istruzione LOAD ... EXTENSION nello script di caricamento dei dati Qlik Sense. È possibile inviare una singola tabella al modello, che restituisce una singola tabella di dati.

  • Quando si utilizza una funzione SSE nello script di caricamento dei dati Qlik Sense (escludendo l'istruzione LOAD ... EXTENSION), la cardinalità viene preservata e viene restituita una colonna singola.

  • I richiami della funzione SSE dall'interno di qualsiasi altra istruzione LOAD, ad esempio Load ... From ..., supportano soltanto i tipi di funzione scalare e di aggregazione. Ciò implica che i dati contenenti n righe comporteranno n richiami al modello, a meno che non si stia eseguendo un'aggregazione dei dati risultanti in un singolo richiamo.

  • I tipi di dati sono riconosciuti automaticamente nelle connessioni di analisi. Se i dati non hanno valori numerici e hanno almeno una stringa di testo non NULL, il campo è considerato di tipo testo. In tutti gli altri casi è considerato di tipo numerico. È possibile forzare il tipo di dati racchiudendo il nome del campo in String() o Mixed(). String() forza il tipo del campo su testo. Se il campo è numerico, viene estratta la parte di testo del valore duale, senza eseguire alcuna conversione. Mixed() forza il tipo del campo su duale.

Espressioni del grafico

  • Le espressioni del grafico non possono consumare una tabella restituita dal richiamo della funzione SSE. Quando si utilizza una funzione SSE in un'espressione del grafico, la cardinalità viene preservata e solo la prima colonna restituita verrà utilizzata da Qlik Sense.