Vai al contenuto principale
Accesso ai database cloud direttamente con Direct Query

IN QUESTA PAGINA

Accesso ai database cloud direttamente con Direct Query

Usare Direct Query per leggere i database SQL senza dover importare o caricare i dati in memoria.

Nota su Qlik Sense Enterprise SaaS GovernmentGli utenti Qlik Sense Enterprise SaaS - Government (US) non possono usare Direct Query.

Direct Query fornisce all'utente più opzioni sulle modalità di accesso preferite ai propri dati per soddisfare le loro esigenze individuali. L'accesso ai dati attraverso Direct Query consente all'utente di mantenere i dati nella sorgente dati sottostante. Ciò consente di aumentare la velocità con cui gli utenti possono interagire con i propri dati a cambio di un po' della flessibilità offerta da un'app Qlik Cloud in memoria.

In generale, si consiglia di importare i propri dati su Qlik Cloud se possibile. Le app Qlik Cloud in memoria consentono di personalizzare meglio l'esperienza e di ricavare il massimo dai propri dati. Tuttavia, nel caso in cui i propri obiettivi non possano essere soddisfatti importando i dati, Direct Query potrebbe essere la soluzione ideale. Grazie alle funzionalità semplificate, le app Direct Query possono anche aiutare gli utenti a muovere i primi passi per la creazione di app in memoria veloci e completamente funzionali.

Può essere consigliabile usare Direct Query nei seguenti casi:

  • Per la gestione di grandi sorgenti dati.

  • Per la ricerca di nuovi database e tabelle.

  • Quando si necessitano dati praticamente in tempo reale, ad esempio per verificare il numero di ordini inoltrati nell'ultima ora.

  • Per la prototipazione del proprio dashboard nelle fasi iniziali prima della produzione.

  • Per l'estrazione di sezioni di dati nel motore di Qlik Sense attraverso le app ODAG. Per ulteriori informazioni, vedere Esportazione delle impostazioni di un'app Direct Query in un'app modello.

Quando si crea un modello dati in Direct Query, mantenere il modello il più semplice possibile, poiché le query complesse possono causare problemi di prestazioni.

Per un tutorial su come usare le app Qlik Sense, vedere Tutorial - Concetti di base.

Nota informaticaLe funzionalità di Direct Query in Qlik Cloud sono differenti dall'istruzione Direct Query in QlikView. Per maggiori informazioni, vedere Direct Query.

Funzionalità supportate

Le app Direct Query hanno funzionalità differenti rispetto alle app in memoria.

Direct Query supporta le seguenti funzionalità:

  • Tipi di connessione dati:

    • Snowflake

      Le funzioni scalari in Snowflake sono supportate; per un elenco delle funzioni supportate, vedere Funzioni scalari.

  • Emulazione dell'analisi dei dati in memoria:

    • Un sottogruppo dell'analisi di gruppo.

    • Grafici con più tabelle per modelli complessi arbitrari. I requisiti del modello esistente per le app in memoria continueranno a essere validi. Ad esempio, i cicli continui tra tabelle non sono consentiti.

    • Tipi di aggregazione di base:

      • Somma

      • Conteggio

      • Minimo

      • Massimo

      • Avg

      • Only

    • CI calcoli pre e post aggregazione basati su set di funzioni e operazioni forniti dal database sottostante.

  • Tipi di relazioni tabelle:

    • Inner join

    • Full outer join

  • Progettazione di modelli iterativi e creazione di dashboard

  • Funzionalità di visualizzazione:

    • Grafici standard:

      • Grafico a barre

      • Bullet chart

      • Pulsante

      • Grafico combinato

      • Contenitore

      • Casella di filtro

      • Misuratore

      • KPI

      • Grafico lineare

      • Mappa

      • Grafico Mekko

      • Grafico a torta

      • Grafico a dispersione

      • Tabella

      • Testo e immagine

      • Grafico a cascata

    • Aggregazione dashboard:

      • Lettore video

    • Aggregazione visualizzazione:

      • Grafico a imbuto

      • Multi KPI

      • Grafico a radar

      • Grafici Sankey e Word cloud

Vedere anche