Vai al contenuto principale Passa a contenuto complementare

IBM DB2 per z/OS

Questa sezione spiega come configurare una sorgente IBM DB2 per z/OS in un'attività di trasferimento. Prima di iniziare l'attività di trasferimento, assicurarsi di aver completato il Prerequisiti e di aver familiarizzato con il Limiti e considerazioni.

Impostazione delle proprietà di connessione

Questa sezione descrive le proprietà di connessione disponibili. Tutte le proprietà sono obbligatorie se non diversamente indicato.

Sorgente dati

  • Gateway dati: il nome del Data Movement gateway da utilizzare per accedere ai dati.

  • Server: L'indirizzo IP o il nome host del server IBM DB2 per z/OS.

  • Porta: La porta con cui accedere al server IBM DB2 per z/OS.

    Nota informaticaSe il server è un SysPlex parallelo e i membri di condivisione dati risiedono su più LPAR, l'indirizzo host può specificare un DVIPA, un indirizzo IP virtuale dinamico (per utilizzare la ridondanza del sistema e il bilanciamento del carico durante l'elaborazione di Data Movement gateway). In questo caso, i numeri di porta devono essere identici per tutti i membri.

Proprietà dell'account

  • Nome utente: Il nome utente richiesto per accedere al server IBM DB2 per z/OS.

  • Password: la password richiesta per accedere al server IBM DB2 per z/OS.

Proprietà del database

    La Posizione deve essere il nome della posizione DB2 definito durante l'installazione. Questo dovrebbe essere un sistema di gestione del database relazionale sotto z/OS, un sottosistema o una connessione di gruppo. Questo è il nome logico che serve alle applicazioni per designare le risorse gestite da questo sistema, utilizzando l'istruzione SQL CONNECT o inserendola come qualificatore di una tabella (prima del nome dello schema).

    Per visualizzare il nome della posizione, utilizzare il comando DB2 “-DIS DDF” (opzione 7 nel pannello DB2I in ISPF), oppure cercare nel messaggio DSNL004I nel registro lavori dello spazio indirizzi <ssid>MSTR.

Proprietà di CDC

  • Per abilitare l'acquisizione dati da IBM DB2 for z/OS, è necessario creare le tabelle di origine come segue:

    CREATE / ALTER TABLE table-name …. DATA CAPTURE CHANGES [INCLUDE LONGVAR COLUMNS];

    È possibile configurare Data Movement gateway per eseguire questa operazione selezionando Abilita automaticamente MODIFICHE ACQUISIZIONE DATI (richiede privilegi di amministratore) nelle impostazioni di connector oppure farlo manualmente.

  • Verifica le modifiche ogni (sec): Con quale frequenza verificare il database di sorgente per le modifiche.
  • Nome UDTF del lettore CDC: Il nome della funzione tabella definita dall'utente fornito da Qlik che viene utilizzata per CDC. Specificare il nome in due parti utilizzando i valori scelti per il nome dello schema, &R4ZSCNM, e il nome della funzione, &R4ZIFITF.
  • Dimensione del set di risultati UDTF (MB): Specificare la dimensione massima che deve essere accumulata dalle righe dei risultati restituite dalla funzione Tabella definita dall'utente fornita da Qlik, attraverso le attività di trasferimento CDC che utilizzano questo connector. Un set di risultati più grande comporta un minor tempo di overhead nella creazione della sessione IFI, ma si associa a un maggior consumo di memoria da parte di DB2. In particolare, poiché il set di risultati è un LOB, potrebbe essere necessario aumentare il limite LOBVALA nella configurazione di DB2 (DSNZPARM), specificando la dimensione massima del LOB consentita per utente. Supponendo che tutte le attività del CDC siano configurate con lo stesso ID utente ODBC, per far sì che tutte le attività vengano eseguite simultaneamente, impostare LOBVALA a 2 × 1024 × la seguente dimensione:SUM[(i=all endpoints) : resultset size in endpoint(i) × #_tasks using endpoint(i)](La dimensione del Resultset è in Mbyte, quindi deve essere moltiplicata per 1024 per riflettere la dimensione di LOBVALA, che è in Kbyte).Un altro limite di DSNZPARM, LOBVALS, specifica la dimensione totale di tutti gli ID utente; quindi, se ci sono più ID utente, è necessario monitorare anche questo valore. Notare, tuttavia, che LOBVALS è specificato in Mbyte, a differenza di LOBVALA.

Opzioni SSL

  • Abilita SSL: Selezionare per abilitare SSL
  • File stash: (facoltativo Un file con una versione crittografata della password del database dell'archivio chiavi.
  • File di database dell'archivio chiavi: (Facoltativo) Il file del database dell'archivio chiavi (contenente la chiave privata) sulla macchina Data Movement gateway. Il file deve essere in formato JKS.
  • Password del database dell'archivio chiavi: (Facoltativo) È possibile accedere al file del database Keystore utilizzando la password impostata qui o il file stash specificato nel campo File Stash.

Sostituisci la mappatura CCSID alla pagina dei codici

Nel campo CCSID per la mappatura del set di caratteri, immettere i CCSID e le tabelle codici nel formato seguente (separato da virgole senza spazi):

CCSID1,codepage1,CCSID2,codepage2,...

Il Set di caratteri (tabella codici) deve essere specificato nel formato corretto (ad es. ibm-1148_P100-1997). Per un elenco di formati validi, vedere ICU Converter Explorer.

Proprietà interne

Le proprietà interne servono per casi d'uso speciali e pertanto non vengono visualizzate nella finestra di dialogo. Gli utenti devono utilizzarle solo se indicato dal Supporto di Qlik.

Usare i pulsanti Crea nuovo e Annulla a destra del campo per aggiungere o rimuovere proprietà in base alle esigenze.

Nome

Il nome visualizzato per la connessione di sorgente.

Hai trovato utile questa pagina?

Se riscontri problemi con questa pagina o con il suo contenuto – un errore di battitura, un passaggio mancante o un errore tecnico – facci sapere come possiamo migliorare!