Convenzioni per i formati dei numeri e dell'ora

In molte funzioni di interpretazione e di formattazione è possibile impostare la formattazione di numeri e date utilizzando un codice di formattazione. In questo argomento viene descritto come formattare un numero, una data, un'ora o un'indicazione di data/ora. Queste convenzioni sono valide sia per le funzioni degli script che dei grafici.

Formati numerici

Per indicare un numero specifico di cifre, utilizzare il simbolo "0" per ogni cifra.

Per indicare una possibile cifra a sinistra del separatore decimale, utilizzare il simbolo "#".

Per indicare la posizione del separatore delle migliaia oppure del separatore decimale utilizzare il separatore delle migliaia e dei decimali applicabili.

Il codice di formattazione viene utilizzato per definire la posizione dei separatori. Non è possibile impostare il separatore nel codice di formattazione. Utilizzare le variabili DecimalSep e ThousandSep per impostarlo nello script.

È possibile utilizzare il separatore delle migliaia per raggruppare le cifre in base a un numero di posizioni qualsiasi, ad esempio, è possibile utilizzare una stringa di formattazione composta da "0000-0000-0000" (separatore delle migliaia="-") per visualizzare un codice parte a dodici cifre, come "0012-4567-8912".

Per ulteriori informazioni, vedere DecimalSep e ThousandSep .

Examples:  

Esempio di formati numerici
Formato numerico Descrizione
# ##0

descrive il numero come numero intero con un separatore delle migliaia. In questo esempio viene utilizzato “ ” come separatore delle migliaia.

###0

descrive il numero come numero intero senza un separatore delle migliaia.

0000 descrive il numero come numero intero con almeno quattro cifre. Ad esempio, il numero 123 verrà visualizzato come 0123.
0.000

descrive il numero con tre decimali. In questo esempio viene utilizzato “.” come separatore decimale.

Formati numerici speciali

Qlik Sense è in grado di interpretare e formattare i numeri in qualsiasi radice compresa tra 2 e 36, incluso il sistema binario, ottale ed esadecimale. Inoltre, può gestire formati con numeri romani.

Formati numerici speciali
Formato Descrizione
Formato binario

Per indicare il formato binario, il codice di formattazione dovrà iniziare con (bin) o con (BIN).

Formato ottale

Per indicare il formato ottale, il codice di formattazione dovrà iniziare con (oct) o con (OCT).

Formato esadecimale

Per indicare il formato esadecimale, il codice di formattazione dovrà iniziare con (hex) o con (HEX). Se si utilizza la versione in maiuscolo A-F verrà utilizzato per la formattazione (ad esempio 14FA). La versione minuscola restituirà una formattazione con a-f (ad esempio 14fa). L'interpretazione funziona in entrambe le varianti, indipendentemente dall'utilizzo delle maiuscole nel codice di formattazione.

Formato decimale

L'utilizzo di (dec) o di (DEC) per indicare il formato decimale è consentito ma non indispensabile.

Formato della radice personalizzato

Per indicare un formato in qualsiasi radice compresa tra 2 e 36, il codice di formattazione dovrà iniziare con (rxx) o con (Rxx) dove xx è un numero composto da due cifre, che indica il tipo di radice da utilizzare. Se si utilizza la lettera R maiuscola, le lettere in radici superiori a 10 saranno maiuscole quando Qlik Sense esegue la formattazione (ad esempio 14FA). Le minuscole restituiranno una formattazione con lettere minuscole (ad esempio 14fa). L'interpretazione funziona in entrambe le varianti, indipendentemente dall'utilizzo delle maiuscole nel codice di formattazione. Tenere presente che (r02) è equivalente a (bin), (R16) è equivalente a (HEX) e così via.

Formato con numeri romani

Per indicare il formato con numeri romani, il codice di formattazione dovrà iniziare con (rom) o con (ROM). Se si utilizzata la versione con le maiuscole per la formattazione verranno utilizzare le lettere maiuscole (ad esempio MMXVI). La versione minuscola restituirà una formattazione con lettere minuscole (mmxvi). L'interpretazione funziona in entrambe le varianti, indipendentemente dall'utilizzo delle maiuscole nel codice di formattazione. I numeri romani sono generalizzati con segni meno per i numeri negativi e 0 per zero. Con la formattazione in numeri romani i decimali saranno ignorati.

Examples:  

Esempio di formati numerici speciali
Esempio Risultato

num(199, '(bin)')

restituisce 11000111

num(199, '(oct)')

restituisce 307

num(199, '(hex)')

restituisce c7

num(199, '(HEX)' )

restituisce C7

num(199, '(r02)' )

restituisce 11000111

num(199, '(r16)')

restituisce c7

num(199, '(R16)' )

restituisce C7

num(199, '(R36)')

restituisce 5J

num(199, '(rom)')

restituisce cxcix

num(199, '(ROM)' )

restituisce CXCIX

Date

Per formattare una data è possibile utilizzare i seguenti simboli. Possono essere utilizzati separatori arbitrari.

Simboli per la formattazione di una data
Simboli Descrizione
D

Per descrivere il giorno, utilizzare il simbolo "D" per ogni cifra.

M

Per descrivere il numero del mese, utilizzare il simbolo "M".

Utilizzare "M" o "MM" per una o due cifre.

"MMM" denota l'abbreviazione del mese in lettere, come definita dal sistema operativo o dalla sovrascrittura della variabile di sistema MonthNames nello script.

"MMMM" denota il formato lungo del mese in lettere, come definito dal sistema operativo o dalla sovrascrittura della variabile di sistema LongMonthNames nello script.

Per ulteriori informazioni, vedere MonthNames e LongMonthNames .

Y

Per descrivere l'anno, utilizzare il simbolo "Y" per ogni cifra.

W

Per descrivere il giorno della settimana, utilizzare il simbolo "W".

"W" restituirà il numero del giorno (ad esempio 0 per lunedì) in forma di cifra singola.

"WW" restituirà il numero con due cifre (ad esempio 02 per mercoledì).

"WWW" mostrerà l'abbreviazione del nome del giorno della settimana (ad esempio, Lun), come definito dal sistema operativo o dalla sovrascrittura della variabile di sistema DayNames nello script.

"WWWW" mostrerà la versione estesa del nome del giorno della settimana (ad esempio, Lunedì), come definita dal sistema operativo o dalla sovrascrittura della variabile di sistema LongDayNames nello script.

Per ulteriori informazioni, vedere DayNames e LongDayNames .

Examples: (con il 31 marzo 2013 come data di esempio)

Esempi di formati di data
Esempio Risultato
YY-MM-DD descrive la data come 13-03-31.
YYYY-MM-DD descrive la data come 2013-03-31.
YYYY-MMM-DD descrive la data come 2013-Mar-31.
DD MMMM YYYY descrive la data come 31 March 2013.
M/D/YY descrive la data come 2013-03-31.
W YY-MM-DD descrive la data come 6 13-03-31.
WWW YY-MM-DD descrive la data come Sat 13-03-31.
WWWW YY-MM-DD descrive la data come Saturday 13-03-31.

Ora

Per formattare un'ora è possibile utilizzare i seguenti simboli. Possono essere utilizzati separatori arbitrari.

Simboli per la formattazione di un'ora
Simboli Descrizione
h

Per descrivere le ore, utilizzare il simbolo "h" per ogni cifra.

m

Per descrivere i minuti, utilizzare il simbolo "m" per ogni cifra.

s

Per descrivere i secondi, utilizzare il simbolo "s" per ogni cifra.

f Per descrivere le frazioni di secondo, utilizzare il simbolo "f" per ogni cifra.
tt

Per descrivere l'ora in formato AM/PM, utilizzare il simbolo "tt" dopo l'ora.

Examples: (con 18.30 come ora di esempio):

Esempi di formati di ora
Esempio Risultato
hh:mm descrive l'ora come 18:30.
hh.mm.ss.ff descrive l'ora come 18.30.00.00
hh:mm:tt descrive l'ora come 18.30.00.00.

Indicazioni di data/ora

Viene utilizzata la stessa notazione indicata sopra per le date e per le ore.

Examples: (con 18.30 del 31 marzo 2013 come indicazione di data/ora di esempio):

Esempi di formati di indicazione di data/ora
Esempio Risultato
YY-MM-DD hh:mm descrive l'indicazione di data/ora come 13-03-31 18:30.
M/D/Y hh.mm.ss.ffff descrive l'indicazione di data/ora come 3/31/13 18.30.00.0000.