Vai al contenuto principale

Tabella

An example of a table box

La casella di tabella è un oggetto di lavoro in cui vengono visualizzati molti campi contemporaneamente. I contenuti di ogni riga sono collegati in modo logico. Le colonne possono essere recuperate da tabelle interne diverse. In questo modo l'utente può creare tabelle utilizzando ogni combinazione possibile dei campi.

Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella per visualizzare il menu Oggetto.

Nota: Se si aggiunge a una tabella una grande quantità di dati dei campi da tabelle con dati scollegati, in QlikView vengono create unioni cartesiane per risolvere il collegamento richiesto. Questo può determinare un maggior consumo di memoria e altri problemi di prestazioni.

Utilizzo delle tabelle

Ordinamento

È possibile ordinare la tabella in base a qualsiasi colonna: è sufficiente fare clic con il pulsante destro del mouse sulla colonna e scegliere Ordina dal menu contestuale. Fare doppio clic sull'intestazione della colonna in base alla quale eseguire l'ordinamento. Scegliendo Ordina dal menu contestuale o facendo doppio clic sull'intestazione della stessa colonna si inverte la sequenza di ordinamento.

Modifica dell'ordine delle colonne

L'ordine delle colonne può essere modificato tramite trascinamento. Puntare sul titolo della colonna, quindi tenere premuto il pulsante del mouse mentre si trascina la colonna nella nuova posizione. È possibile disabilitare questa funzionalità deselezionando la casella di controllo Consenti il 'Drag and Drop' nella pagina Proprietà della tabella: Grafico.

menu Oggetto

Il menu Oggetto relativo alle tabelle ha due versioni differenti. Se si seleziona l'area dell'intestazione, il menu mobile contiene i comandi validi per l'intera tabella, mentre se il puntatore è posizionato sopra un campo specifico, il menu è più ampio e include i comandi validi per tale campo. I comandi combinati dei menu sono:

  • Proprietà...: Consente di visualizzare la finestra di dialogo Proprietà tabella, in cui è possibile impostare un determinato numero di parametri.
  • Note: Consente di creare e condividere le note relative all'oggetto corrente.
  • Adatta le Colonne ai Dati: Consente di adattare la larghezza di tutte le colonne nella tabella al dato più largo in ogni colonna. L'intestazione è inclusa nel calcolo.
  • Larghezza Colonne uguale: Consente di assegnare alle colonne della tabella lo stesso valore di larghezza della colonna selezionata tramite clic.
  • Ordina: Consente di ordinare i record in base al campo selezionato tramite clic.
  • Formato della Cella personalizzato: Consente di visualizzare la finestra Formato della cella personalizzato, la quale permette di formattare le celle nella colonna e aggiungere bande alle celle su cui si fa clic. Questo menu a discesa è disponibile solo quando è attivato il comando Griglia di posizionamento del menu Visualizza.
  • Ordine: Questo menu a cascata è disponibile solo quando è attivato il comando Griglia di posizionamento del menu Visualizza o quando è selezionata l'opzione Mostra sempre le voci del menu Sviluppo in Preferenze dell'utente: Sviluppo. Contiene quattro comandi per impostare il livello di presentazione degli oggetti di lavoro. I numeri validi sono compresi tra -128 e +127.
    • Porta in primo piano: Consente di impostare il livello di presentazione dell'oggetto di lavoro sul massimo valore attualmente utilizzato da qualsiasi oggetto di lavoro sul foglio corrente.
    • Manda in secondo piano: Consente di impostare il livello di presentazione dell'oggetto di lavoro sul minimo valore attualmente utilizzato da qualsiasi oggetto di lavoro sul foglio corrente.
    • Porta sopra: Consente di incrementare il livello di presentazione dell'oggetto di lavoro di una unità. Il valore massimo è 127.
    • Sposta indietro: Consente di diminuire il livello di presentazione dell'oggetto di lavoro di un'unità. Il valore minimo è -128.
  • Modifica valore: È disponibile solo per le caselle di elenco che visualizzano campi di input. Imposta nella modalità di input la cella su cui si fa clic. Equivale a fare clic sull'icona di input nella cella.
  • Ripristina Valori: È disponibile solo per le caselle di elenco che visualizzano campi di input. Consente di visualizzare un menu a discesa con tre opzioni.
    • Ripristina valore singolo: Ripristina il valore del campo selezionato sul valore predefinito ottenuto dallo script.
    • Ripristina valori possibili: Ripristina tutti i valori di campo possibili sui valori predefiniti ottenuti dallo script.
    • Ripristina tutti i valori: Ripristina tutti i valori di campo sui valori predefiniti ottenuti dallo script.
  • Seleziona possibili: Vengono selezionati tutti i valori non-esclusi del campo.
  • Seleziona esclusi: Vengono selezionati tutti i valori esclusi del campo.
  • Seleziona Tutto: Vengono selezionati tutti i valori del campo.
  • Cancella tutte le selezioni: Consente di annullare le selezioni in tutti i campi visualizzati nella tabella.
  • Cancella: Consente di annullare tutte le selezioni presenti nel campo.
  • Cancella altri campi: Consente di selezionare tutti i valori possibili nel campo attuale, quindi di annullare le selezioni in tutti gli altri campi.
  • Blocca: Consente di bloccare i valori selezionati nel campo.
  • Sblocca: Consente di sbloccare i valori bloccati nel campo.
  • Stampa...: Consente di visualizzare la finestra di dialogo Stampa dove è possibile specificare le impostazioni di stampa.
  • Stampa come PDF...: Apre la finestra di dialogo Stampa con la stampante Microsoft Print to PDF preselezionata. Dopo avere fatto clic su Stampa, viene richiesto di assegnare un nome al file PDF generato. Questo comando è disponibile solo se nel sistema è disponibile una stampante PDF.
  • Invia a Excel: Consente di esportare i valori possibili (compresi quelli selezionati) in Microsoft Excel, che viene avviato automaticamente se non era già in esecuzione. I valori esportati verranno visualizzati in un nuovo foglio di lavoro di Excel. Per utilizzare questa funzionalità è necessario che nel computer sia installato Microsoft Excel 2007 o versione successiva.
  • Esporta...: Consente di esportare i contenuti della tabella in un file scelto dall'utente. Il file può essere salvato in uno qualsiasi dei formati seguenti: Delimitato da virgola, Delimitato da punto e virgola, Delimitato da tabulazione, Ipertesto (HTML), XML ed Excel (XLS o XLSX). Il formato predefinito è *.qvo (QlikViewOutput), un file separato da tabulazioni. Le immagini contenute in una tabella non verranno incluse quando si effettua l'esportazione nel formato HTML.
  • Copia negli Appunti: Questo menu a discesa contiene le opzioni di copia relative all'oggetto di lavoro.
    • Tabella estesa: Consente di copiare negli Appunti l'intera tabella, con l'intestazione e lo stato delle selezioni.
    • Area dati tabella: Consente di copiare negli Appunti solo i valori della tabella.
    • Valore cella: Copia negli Appunti il valore di testo della cella della casella di elenco selezionata con il pulsante destro del mouse (quando si richiama il menu Oggetto).
    • Immagine: Consente di copiare negli Appunti un'immagine dell'oggetto di lavoro. Nell'immagine verranno inclusi o esclusi l'intestazione e il bordo dell'oggetto di lavoro in base alle impostazioni della pagina Preferenze dell'utente: Esporta. Le tabelle generate nella parte nascosta dello script non vengono rappresentate per nome nel campo di sistema $Table.
    • Oggetto: Consente di copiare l'intero oggetto di lavoro negli Appunti per incollarlo in un altro punto della presentazione o in un altro documento aperto nell'istanza corrente di QlikView.
  • Oggetti collegati: Consente di visualizzare un menu con comandi relativi agli oggetti collegati. Adatta la Posizione degli Oggetti Collegati: A tutti gli oggetti collegati in tutti i fogli vengono assegnate dimensioni e posizione identiche all'oggetto o agli oggetti evidenziati.
    Scollega questo oggetto/Scollega oggetti: Consente di annullare il collegamento fra gli oggetti, isolandoli e assegnando loro ID differenti.

 

  • Minimizza: Consente di ridurre l'oggetto a icona. Equivale a fare clic sull'icona Minimize sull'intestazione dell’oggetto (se visualizzata). Questo comando è disponibile solo se l'ingrandimento è consentito nella finestra di dialogo Proprietà dell'oggetto nella pagina Didascalia.
  • Massimizza: Consente di ingrandire l'oggetto per adattarlo al foglio. Equivale a fare clic sull'icona Maximize sull'intestazione dell’oggetto (se visualizzata). Questo comando è disponibile solo se l'ingrandimento è consentito nella finestra di dialogo Proprietà dell'oggetto nella pagina Didascalia.
  • Ripristina: Consente di ripristinare alle dimensioni e alla posizione originali l'oggetto ridotto a icona o ingrandito. Equivale a fare doppio clic sull'icona di un oggetto ridotto a icona o a fare clic sull'icona Restore sull'intestazione di un oggetto ingrandito (se visualizzata). Questo comando è disponibile solo per oggetti ridotti a icona o ingranditi.
  • Guida: Consente di visualizzare la Guida di QlikView.
  • Rimuovi: Consente di rimuovere l'oggetto di lavoro dal foglio.

Finestra di dialogo Formato della cella personalizzato

Questa finestra di dialogo consente di applicare formati personalizzati a uno o più gruppi di celle di tabella. Può essere richiamata dai menu Oggetto di una tabella, di una tabella lineare o di una tabella pivot, a condizione che sia attivato il comando Griglia di posizionamento del menu Visualizza o che sia selezionata l'opzione Mostra sempre le voci del menu Sviluppo in Preferenze dell'utente: Sviluppo.

Il gruppo di celle coinvolto dalla formattazione è determinato dall'area della tabella su cui è stato premuto il pulsante destro del mouse per richiamare il comando. Il più piccolo gruppo di celle da formattare come unità è un campo (in genere, una colonna) in una tabella o un'espressione/dimensione in una tabella grafica. Se si utilizza lo striping, ogni striscia viene formattata separatamente.

Ogni volta che si ricorre a questa finestra di dialogo per personalizzare il formato di qualsiasi parte di una tabella, l'opzione Stile nella pagina Stile della finestra di dialogo Proprietà della tabella verrà impostata su [Personalizza]. Se si ripristina uno degli stili predefiniti per l'impostazione di Stile, tutta la formattazione personalizzata andrà persa.

Nota: In generale, gli stili della tabella vengono sovrascritti da qualsiasi tipo di formattazione risultante dalle espressioni di attributo.
  • Pannello Anteprima tabella: Il pannello di anteprima mostra le modifiche di formattazione apportate a uno o più gruppi di celle della tabella. A differenza dell'anteprima più piccola a destra, Testo Campione, questo pannello mostra le modifiche contestuali e successive all'applicazione dei segnali visivi e/o della formattazione delle espressioni di attributo.
    All'interno di questo pannello è possibile spostarsi liberamente nella tabella e applicare formattazioni a gruppi diversi di celle. È sufficiente fare clic su una cella per attivare gli aspetti da sottoporre a formattazione.
  • Annulla: Il pulsante Annulla può essere utilizzato per annullare una ad una le modifiche effettuate nella finestra di dialogo Formato della Cella personalizzato.
    Una volta chiusa la finestra di dialogo Formato della Cella personalizzato, tutte le modifiche effettuate all'interno della stessa potranno essere annullate con un semplice clic sul pulsante Annulla della barra degli strumenti principale.
  • Ripeti: Il pulsante Ripeti può essere utilizzato per riapplicare una ad una tutte le modifiche precedentemente annullate con il pulsante Annulla nella finestra di dialogo Formato della Cella personalizzato.
  • Testo Campione: Questa è la cella di anteprima che mostra le impostazioni eseguite.
  • Colore sfondo: Consente di definire il colore di sfondo della cella.
  • Colore testo: Consente di definire il colore del testo della cella.
  • Bordi prima della cella: Qui è possibile definire il bordo che precede la cella. Sono presenti una casella di riepilogo per impostare lo stile dei bordi e un pulsante per impostare il colore dei bordi. Tenere presente che i bordi verranno condivisi dalle celle; ciò potrebbe alterare l'aspetto effettivo del bordo della tabella rispetto a quanto visualizzato nell'anteprima.
  • Bordi dopo la cella: Qui è possibile impostare il bordo successivo alla cella. Sono presenti una casella di riepilogo per impostare lo stile dei bordi e un pulsante per impostare il colore dei bordi. Tenere presente che i bordi verranno condivisi dalle celle; ciò potrebbe alterare l'aspetto effettivo del bordo della tabella rispetto a quanto visualizzato nell'anteprima.
  • Impostazioni testo: In questo gruppo sono disponibili numerose impostazioni assegnabili al testo delle celle.
    • Dimensione testo: Utilizzare la casella di riepilogo per modificare le dimensioni del formato carattere generale utilizzato nella tabella.
    • Grassetto: Selezionare questa casella di controllo per il testo in grassetto.
    • Corsivo: Selezionare questa casella di controllo per il testo in corsivo.
    • Sottolineato: Selezionare questa casella di controllo per il testo sottolineato.
    • Ombreggiato: Selezionare questa casella di controllo per il testo con ombreggiatura.
  • Applica le modifiche a: In genere, le modifiche vengono applicate solo all'espressione, alla dimensione o al campo (tabelle) su cui è stato premuto il pulsante destro del mouse per aprire la finestra di dialogo. Grazie a questa casella di riepilogo è possibile applicare la stessa formattazione ad altre espressioni, dimensioni o campi.

Generale

È possibile visualizzare la scheda Proprietà della tabella: Generale facendo clic con il pulsante destro del mouse su una tabella e selezionando il comando Proprietà dal menu mobile oppure selezionando Proprietà nel menu Oggetto quando è attiva una tabella.

  • Titolo: Nella finestra Titolo è possibile assegnare un nome alla tabella; il nome viene visualizzato nell'intestazione della finestra. Il titolo può essere anche definito come una formula calcolata per l'aggiornamento dinamico del testo dell'etichetta. Fare clic sul pulsante ... per visualizzare la finestra di dialogo Modifica espressione in cui è possibile modificare più facilmente le formule lunghe.

    Sintassi di espressione per le formule calcolate


  • Campi disponibili: In questa colonna vengono riportati i nomi dei campi di origine dati disponibili. Inizialmente in questa colonna vengono visualizzati tutti i campi (esclusi i campi di sistema). Per visualizzare anche i campi di sistema, selezionare Mostra Campi di Sistema. Selezionare le voci da utilizzare/rimuovere facendo clic su di esse. Utilizzare il pulsante Aggiungi > o < Rimuovi per spostarle nella colonna desiderata.
  • Campi visualizzati in tabella: Contiene i campi selezionati dall'elenco Campi Disponibili da inserire nella tabella. Inizialmente tale colonna è vuota.
    Selezionando un campo nell'elenco, è possibile personalizzare l'Etichetta nella finestra di modifica.
  • Mostra campi di sistema: Selezionare questa casella di controllo per includere i campi di sistema nella colonna Campi disponibili.
  • Mostra i Campi della Tabella: Consente di controllare quali campi visualizzare nell'elenco Campi disponibili. Per impostazione predefinita, l'elenco a discesa visualizza l'alternativa Tutte le tabelle. Se si desidera che l'elenco visualizzi i campi di una tabella specifica, selezionare il nome della tabella nell'elenco a discesa.
    L'alternativa Tutte le tabelle (qualificati) consente di visualizzare i campi qualificati in base al nome delle tabelle che li contengono. Ciò significa che i campi chiave (di connessione) verranno elencati più volte. Questa alternativa è utilizzata a solo scopo di visualizzazione e non è correlata ai campi Qualify nello script di caricamento.
  • Promuovi: Consente di spostare verso l'alto il campo selezionato nell'ordine di visualizzazione.
  • Arretra: Consente di spostare verso il basso il campo selezionato nell'ordine di visualizzazione.
  • Ordine di conteggio: Consente di ordinare i campi della colonna Campi visualizzati in Tabella in ordine numerico.
  • Ordine di caricamento: Consente di ordinare i campi della colonna Campi visualizzati in Tabella in base all'ordine di caricamento, ovvero l'ordine in cui i campi vengono letti dal database.
  • Ordine alfabetico: Consente di ordinare i campi della colonna Campi visualizzati in Tabella in ordine alfabetico.
  • Stato Alternato:

    Selezionare uno degli stati disponibili nell'elenco. I seguenti Stati Alternati sono sempre disponibili.

    • Ereditato: Lo stato di fogli e oggetti di lavoro è sempre ereditato finché non viene ignorato dallo sviluppatore QlikView. Questa impostazione è ereditata dall'oggetto di livello superiore; scegliendo lo stato ereditato, un grafico presente in un foglio acquisisce le stesse impostazioni del foglio.
    • Stato Predefinito: Costituisce lo stato prevalentemente utilizzato in QlikView ed è rappresentato da $. Un documento QlikView è sempre in Stato Predefinito.
  • Identificativo oggetto: Questa opzione viene utilizzata per le macro. A ogni oggetto di lavoro viene assegnato un ID. Si raccomanda di utilizzare unicamente caratteri alfanumerici per l'ID. L'ID delle tabelle inizia con TB01. Gli oggetti collegati condividono lo stesso ID oggetto. Successivamente è possibile modificare questo numero ID.

    Interprete interno di macro

  • Condizione di calcolo: Consente di specificare una Condizione di Calcolo che deve essere soddisfatta affinché la tabella sia visualizzata. Se tale condizione non viene soddisfatta, viene visualizzato il messaggio "Condizione di calcolo incompiuta".
  • Messaggi di errore: I messaggi di errore standard nelle tabelle (e nei grafici) possono essere personalizzati nella finestra di dialogo Personalizza messaggi di errore, che viene visualizzata facendo clic sul pulsante Messaggi di errore.

    Personalizza messaggi di errore

Ordina

È possibile visualizzare la scheda Proprietà della tabella: Ordina facendo clic con il pulsante destro del mouse su una tabella e scegliendo il comando Proprietà dal menu mobile.

Nell'elenco Priorità di ordinamento vengono visualizzati i campi della tabella. L'ordine in cui sono visualizzati i campi determina la sequenza di ordinamento quando viene eseguito il comando Ordina. È possibile modificare l'ordine dei campi utilizzando i pulsanti Promuovi e Arretra. Per ogni campo nell'elenco è possibile impostare i criteri di ordinamento. I criteri di ordinamento sono descritti di seguito.

Ordina per:

  • Espressione: I valori del campo vengono ordinati in accordo con l'espressione arbitraria inserita nella relativa casella.
  • Frequenza: Consente di attivare/disattivare il criterio di ordinamento dei valori basato sulla frequenza.
  • Valore Numerico: Consente di attivare/disattivare il criterio di ordinamento dei valori basato sul valore numerico.
  • Testo: Consente di attivare/disattivare il criterio di ordinamento dei valori in base all'ordine alfabetico definito dallo standard ASCII.
  • Ordine di caricamento: Consente di attivare/disattivare il criterio di ordinamento dei valori in base all'ordine di caricamento.

Se si selezionano più sequenze di ordinamento queste rispettano la precedenza: espressione, frequenza, numerico, testo, ordine di caricamento.

Presentazione

È possibile visualizzare la scheda Proprietà della tabella: Presentazione facendo clic con il pulsante destro del mouse su una tabella e scegliendo il comando Proprietà dal menu mobile.

In questa pagina si determina la presentazione della tabella.

  • Allineamento: L'allineamento predefinito dei valori dei campi può essere impostato separatamente per Testo e Numeri selezionando il campo nell'elenco Campi e l'opzione opportuna nel gruppo Allineamento. Per impostazione predefinita, i valori testuali vengono allineati a sinistra e quelli numerici a destra.
  • Ometti le righe quando il campo è NULL: Se è selezionata, le righe che contengono un valore di campo NULL per il campo selezionato vengono rimosse. Per NULL si intende nessun valore.
  • Selezione dal menu a discesa: Se è selezionata, a sinistra dell'intestazione della colonna del campo selezionato viene aggiunta l'icona di una freccia. Fare clic sull'icona per accedere ai valori del campo tramite un elenco a discesa. Questa operazione è identica alle selezioni effettuate in una casella multipla.

 

  • Avanzato...: Questo pulsante consente di visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni campo avanzate, la quale consente di specificare le impostazioni per la rappresentazione di immagini relative ai valori di campo e opzioni speciali per la ricerca di testo.
  • Impostazioni multilinea: In questo gruppo è possibile impostare l'intestazione della tabella e le celle dei dati per la visualizzazione dei valori su più righe, utile per le stringhe di testo lunghe.
    • Testo su più righe Altezza Intestazione n Linee: Se questa opzione è selezionata, il contenuto dell'intestazione verrà visualizzato su più righe. Consente di specificare i limiti delle righe di intestazione da utilizzare.
    • Testo su più righe Altezza Cella n Linee: Questa impostazione permette di visualizzare il testo nelle celle su più righe. Consente di specificare i limiti delle righe di cella da utilizzare.

 

  • Etichette Verticali: Se è selezionata, tutte le etichette dei campi vengono ruotate in posizione verticale.
  • Consenti il 'Drag and Drop': Se è selezionata, è possibile ordinare i campi della tabella facendo clic sulle intestazioni e trascinandole.
  • Indicatore di ordinamento: Se è selezionata, aggiunge un indicatore di ordinamento a destra dell'intestazione della colonna del campo in base al quale la tabella è ordinata attualmente. L'icona viene invertita per rappresentare l'ordinamento crescente o decrescente.
  • Indicatori di selezione: Se è selezionata, aggiunge un indicatore di ordinamento a destra dell'intestazione della colonna del campo in base al quale la tabella è ordinata attualmente. L'icona viene invertita per rappresentare l'ordinamento crescente o decrescente.
  • Sopprimi Riga di Intestazione: Se è selezionata, la tabella viene visualizzata senza la riga di intestazione (etichetta).

Stile

Questa pagina di stile si applica a tutte le tabelle di QlikView : tabelle, tabelle pivot e tabelle lineari e consente di impostarne lo stile di formattazione.

 

  • Stile Corrente: Consente di scegliere uno stile appropriato per la casella dall'elenco a discesa. Se è presente il valore [Personalizza] nel comando a discesa, è stato applicato uno stile personalizzato alla tabella. Se si riportano le impostazioni a uno stile predefinito, la formattazione personalizzata andrà persa.
  • Bande ogni _ Righe: Consente di specificare se e a quali intervalli visualizzare le strisce ombreggiate.
  • Modalità con Indentazione: Questa impostazione è valida solo per le tabelle pivot. Se questa opzione è selezionata, è possibile modificare leggermente lo stile della tabella; ciò è particolarmente utile se è necessario sistemare molte etichette di dimensione all'interno di una tabella limitata in larghezza.
    • Usa solo l'etichetta della prima dimensione: Questa impostazione è disponibile solo per le tabelle pivot già in Modalità con rientro e consente di modificare ulteriormente lo stile della tabella pivot.
  • Bordi di cella su dimensione verticale: Questa impostazione determina se i bordi delle celle verticali sono visualizzati come dimensioni di colonne.
  • Bordi di cella su espressione verticale: Come sopra, ma per le colonne di espressione.
  • Spaziatura Bordo Superiore: Se è impostata una spaziatura nella finestra di dialogo Impostazioni di campo avanzate, lo stile della tabella può essere leggermente modificato selezionando questa opzione.

    Advanced Field Settings

  • Sfondo...: Apre la finestra di dialogo Impostazioni Sfondo.
  • Colore trasparenza dello sfondo cella: Se un colore o un'immagine è stato applicato a Impostazioni Sfondo, è possibile regolare la trasparenza di tale colore o immagine nello sfondo di cella qui.
  • Trasparenza dei Bordi Cella: Consente di impostare la trasparenza dei bordi delle celle.

Formato carattere

In questa finestra è possibile impostare il Formato carattere, lo Stile formato carattere e la Dimensione dei caratteri da utilizzare.

Il formato carattere deve essere impostato per un singolo oggetto (Proprietà oggetto: Formato carattere) o per tutti gli oggetti di un documento (Applica a oggetti in Proprietà documento: Formato carattere).

Inoltre, i formati carattere predefiniti del documento per i nuovi oggetti possono essere impostati in Proprietà documento: Formato carattere. Esistono due tipi di formato predefiniti:

  1. Il primo formato carattere predefinito (caselle di elenco, grafici e così via) è utilizzato per quasi tutti gli oggetti, inclusi grafici e caselle di elenco.
  2. In genere, il secondo (Oggetto Testo e Pulsanti) viene assegnato a pulsanti e caselle di testo, oggetti che richiedono spesso un formato di carattere di dimensioni maggiori.

Infine, i formati carattere predefiniti per i nuovi documenti possono essere impostati in Preferenze dell’utente: Formato carattere.

Per i grafici, i pulsanti e gli oggetti di testo (ad eccezione degli oggetti di ricerca), è inoltre possibile specificare un formato carattere Colore. Il colore potrà essere fisso o calcolato dinamicamente da un'espressione. L'espressione deve essere una rappresentazione cromatica valida, in genere ottenuta utilizzando le funzioni colore. Se il risultato dell'espressione non è una rappresentazione di colore valida, verrà utilizzato il nero come colore predefinito.

Funzioni colore

Le impostazioni supplementari sono:

  • Ombreggiato: Se questa opzione è selezionata, aggiunge l'ombreggiatura al testo.
  • Sottolineato: Se questa opzione è selezionata, il testo viene sottolineato.

Un esempio del carattere selezionato viene mostrato nel riquadro di anteprima.

Presentazione

Se viene eseguita dalla pagina Proprietà oggetto l'impostazione della presentazione viene applicata solamente all'oggetto corrente.
Se viene invece eseguita dalla pagina Proprietà Documento, viene applicata a tutti gli oggetti del tipo specificato nel documento.

Usa bordi

Selezionare questa impostazione per applicare un bordo attorno all'oggetto di lavoro. È possibile specificare il tipo di bordo selezionandolo dal menu a discesa.

  • Intensità dell'ombra: Il menu a discesa Intensità dell'ombra consente di impostare l'intensità dell'ombra che circonda gli oggetti di lavoro. È inoltre possibile impostare Niente Ombreggiatura.
  • Stile Bordo: Sono disponibili i tipi di bordo predefiniti seguenti:
    • Continuo: Un bordo continuo di un solo colore.
    • Incassato: Bordo che dà l'impressione che l'oggetto di lavoro sia incassato rispetto allo sfondo.
    • Sollevato: Bordo che dà l'impressione che l'oggetto di lavoro sia in rilievo rispetto allo sfondo.
    • Cintato: Bordo che dà l'impressione che l'oggetto di lavoro sia circondato da un muro.
  • Spessore bordo: Questa opzione è disponibile per tutti i tipi di bordo. La larghezza può essere specificata in mm, cm, pollici (", inch), pixel (px, pxl, pixel), punti (pt, pts, point) o docunits (du, docunit).
  • Colore: Fare clic su questo pulsante per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile selezionare, dall'apposita tavolozza, il colore di base appropriato da assegnare a tutti i tipi di bordo.
  • Arcobaleno: Consente di creare un bordo di colore arcobaleno per tutti i tipi di bordo. L'arcobaleno inizierà con il colore di base selezionato nella parte superiore dell'oggetto di lavoro.

Quando si sceglie Semplificato come Modalità stile in Proprietà documento: Generale, non è possibile scegliere il tipo di bordo, ma saranno disponibili solo il menu a discesa Intensità ombreggiatura e l'impostazione Spessore bordo.

Angoli arrotondati

Nel gruppo Angoli Arrotondati è possibile definire la forma generale dell'oggetto di lavoro. Queste impostazioni consentono di disegnare oggetti di lavoro che vanno da perfettamente circolari/ellittici a super ellittici a rettangolari. L'opzione Angoli arrotondati è disponibile solo se è stata selezionata la Modalità di stile avanzata in Proprietà documento: Generale.

  • Angoli arrotondati: Selezionare questa opzione per attivare le alternative relative alle forme con angoli arrotondati.
  • Angoli: Gli angoli la cui casella di controllo è deselezionata vengono tracciati come angoli retti.
  • Angoli: Un numero variabile compreso tra 2 e 100 dove 100 definisce un rettangolo con angoli perfettamente retti e 2 un ellisse perfetto (un cerchio per le proporzioni 1:1). In genere, un valore angolare compreso tra 2 e 5 è ottimale per ottenere angoli arrotondati.
  • Raggio dell'angolo: Queste impostazioni determinano il raggio degli angoli in misura fissa (Fisso) o in percentuale del quadrante totale (Relativo (%)). Queste impostazioni consentono il controllo dei limiti entro i quali gli angoli vengono influenzati dalla forma generale sottostante impostata in Angoli. La distanza può essere specificata in mm, cm, pollici (", pollice), pixel (px, pxl, pixel), punti (pt, pts, point) o docunits (du, docunit).

Posizionamento

Nel gruppo Posizionamento è possibile definire un oggetto come residente in uno dei tre livelli:

  • In basso: Un oggetto di lavoro con proprietà di posizionamento In basso non potrà mai oscurare gli oggetti di lavoro in posizione Normale e In alto. Può essere disposto sopra altri oggetti di lavoro nel livello In basso.
  • Normale: Quando vengono creati, gli oggetti di lavoro vengono posizionati sul livello Normale (medio). Un oggetto di lavoro sul livello Normale non può essere mai oscurato da oggetti di lavoro posti sul livello In Basso e non può mai oscurare oggetti di lavoro posti sul livello Alto.
  • In alto: Un oggetto di lavoro posto sul livello In alto non può essere oscurato da oggetti di lavoro posti sui livelli Normale e In basso. Solo altri oggetti di lavoro posti sul livello In alto possono sovrapporsi.
  • Personalizza: I livelli In Alto, Normale e In Basso corrispondono ai livelli interni numerati 1, 0 e -1 rispettivamente. È consentito qualsiasi valore nell'intervallo incluso tra -128 e 127. Selezionare questa opzione per immettere il valore desiderato.

Creazione tema...

Consente di visualizzare il Wizard creazione tema in cui è possibile creare un nuovo tema di presentazione.

Applica tema..

È possibile applicare un tema di presentazione a un oggetto, a un foglio o a un documento.

Temi di presentazione

Mostra

Nel gruppo Mostra è possibile specificare una condizione di visualizzazione dell'oggetto di lavoro:

  • Sempre: L'oggetto di lavoro è sempre visibile.
  • Condizionale: L'oggetto di lavoro sarà visualizzato oppure nascosto, a seconda dei risultati restituiti da una funzione condizionale valutata continuamente in base alle selezioni o ad altre condizioni. L'oggetto di lavoro sarà nascosto solo quando la condizione restituirà il valore FALSE.

    Funzioni condizionali

Nota:

Gli utenti con privilegi di amministratore per il documento possono ignorare tutte le condizioni di visualizzazione selezionando l'opzione Mostra tutti i fogli e gli oggetti in Proprietà documento: Sicurezza. È inoltre possibile attivare/disattivare questa funzionalità utilizzando la combinazione di tasti CTRL+MAIUSC+S.

Proprietà documento: Sicurezza

Opzioni

Nel gruppo Opzioni è possibile impedire lo spostamento e il ridimensionamento dell'oggetto di lavoro. Le impostazioni in questo gruppo sono rilevanti solo se sono state abilitate le relative caselle di controllo in Proprietà documento: Presentazione e Proprietà foglio: Sicurezza.

  • Consenti Muovi/Ridimensiona: Se questa opzione è stata deselezionata, sarà impossibile spostare o ridimensionare l'oggetto di lavoro.
  • Consenti Copia/Clona: Se questa opzione è stata deselezionata, non è possibile creare una copia dell'oggetto di lavoro.
  • Consenti Info: Quando la funzione info è in uso, viene visualizzata un'icona di informazioni nell'intestazione della finestra ogni volta che a un valore di campo sono associate informazioni. Se non si desidera che l'icona di informazioni venga visualizzata nell'intestazione, deselezionare questa opzione.

    Info
  • Ridimensiona ai dati: In genere, i bordi attorno a tutti gli oggetti di lavoro della tabella in QlikView vengono ridotti quando le selezioni causano una diminuzione delle dimensioni della tabella rispetto a quelle assegnate per l'oggetto di lavoro. Se si deseleziona questa casella di controllo, questa regolazione automatica della grandezza viene disattivata e lo spazio inutilizzato viene lasciato vuoto.

Barre di scorrimento

Ulteriori controlli per la modifica della presentazione delle barre di scorrimento sono posizionati nel gruppo Barre di Scorrimento:

  • Ricorda le posizioni di scorrimento: Se è abilitata questa impostazione, QlikView tenta di mantenere la posizione di scorrimento di tabelle e grafici visualizzando una barra di scorrimento quando si effettua una selezione in un altro oggetto. L'impostazione deve essere abilitata anche in Preferenze dell'utente: Oggetti. La posizione di scorrimento non viene conservata quando si chiude il documento.
  • Pulsanti di scorrimento: Consente di impostare il colore del pulsante di scorrimento. Selezionare un colore facendo clic sul pulsante. Tenere presente che i toni grigi medi spesso rappresentano il miglior colore per le barre di scorrimento. Il colore può essere definito sia come colore pieno oppure come gradiente utilizzando la finestra di dialogo Area colore che viene visualizzata facendo clic sul pulsante corrispondente.
  • Sfondo barra di scorrimento: Imposta il colore di sfondo della barra di scorrimento. Selezionare un colore facendo clic sul pulsante.
  • Larghezza barra di scorrimento: Questo controllo ha effetto sia sulla larghezza che sulle dimensioni relative dei simboli delle barre di scorrimento.
  • Stile scorrimento: Consente di impostare lo stile della barra di scorrimento. Selezionare uno stile nel menu a discesa. Lo stile di scorrimento Classico corrisponde alle barre di scorrimento 4/5 di QlikView. Lo stile Standard della barra degli strumenti conferisce un aspetto più moderno. Il terzo stile è Leggero che visualizza una barra più sottile e leggera.
    Per rendere visibile lo stile della barra di scorrimento, impostare Modalità di stile su Avanzata. Questa impostazione si trova nella scheda Generale, aprendo il menu a discesa Impostazioni e selezionando Proprietà documento.

 

  • Applica a...: Consente di visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni di Intestazione e Bordi, in cui è possibile definire le modalità di applicazione delle proprietà impostate nella pagina Presentazione.

Intestazione

Se viene definita dalla pagina Proprietà oggetto, l'impostazione dell'intestazione verrà applicata solo all'oggetto corrente.
Se viene definita dalla pagina Proprietà Documento, l'impostazione dell'intestazione verrà applicata a tutti gli oggetti del tipo specificato nel documento.

Nella pagina Intestazione è possibile specificare opzioni di presentazione completamente differenti dalla presentazione generale dell'oggetto.

  • Mostra Intestazione: Se questa opzione è selezionata, verrà visualizzata un'intestazione nella parte superiore dell'oggetto di lavoro. Per impostazione predefinita, questa opzione è selezionata per le caselle di riepilogo e gli altri oggetti casella; è deselezionata per i pulsanti, gli oggetti di testo e gli oggetti linea/freccia.
  • Testo Titolo: In questa casella di testo è possibile immettere un titolo da mostrare nell'intestazione dell'oggetto di lavoro. Utilizzare il pulsante Formato carattere... per modificare il formato del carattere dell'intestazione.

Impostare i colori dell'intestazione per visualizzarne i diversi stati. Le impostazioni per Colori Attivo e Colori Inattivo possono essere effettuate in maniera reciprocamente indipendente.

Fare clic sul pulsante Colore sfondo o Colore testo per visualizzare la finestra di dialogo Area colore. Nella finestra di dialogo Area colore è possibile definire un colore di sfondo a tinta unita oppure sfumato (a gradienti). Il colore del testo può essere definito come Fisso o Calcolato mediante le funzioni relative al colore.

Funzioni colore

  • Testo su più righe: Se questa opzione è selezionata, il testo verrà visualizzato su due o più righe.
  • Altezza Intestazione (Linee): In questa casella di modifica è possibile impostare un numero di linee di intestazione.

Le dimensioni e la posizione precise dell'oggetto QlikView possono essere stabilite e regolate con specifiche impostazioni di ridimensionamento e posizionamento per l'oggetto di lavoro QlikView Normale o Minimizzato. Le misure di queste impostazioni sono espresse in pixel:

  • X-pos: Consente di impostare la posizione orizzontale del lato sinistro dell'oggetto di lavoro in relazione al bordo sinistro del foglio.
  • Y-pos: Consente di impostare la posizione verticale del lato superiore dell'oggetto di lavoro in relazione al bordo superiore del foglio.
  • Larghezza: Consente di impostare la larghezza dell'oggetto di lavoro QlikView.
  • Altezza: Consente di impostare l'altezza dell'oggetto di lavoro QlikView.

L'orientamento dell'etichetta di intestazione può essere modificato utilizzando le opzioni di Allineamento Intestazione:

  • Orizzontale: L'etichetta può essere allineata orizzontalmente: a sinistra, al centro o a destra nell'area dell'intestazione.
  • Verticale: L'etichetta può essere allineata verticalmente: in alto, al centro o in basso nell'area dell'intestazione.

Icone speciali
Molti dei comandi di menu degli oggetti di lavoro possono essere configurati come icone di intestazione. È possibile scegliere i comandi da visualizzare come icone di intestazione selezionando la casella di controllo a sinistra di ciascun comando nell'elenco.

Nota: Utilizzare con attenzione le icone speciali di intestazione. Troppe icone potranno solo confondere l'utente.
  • Consenti la minimizzazione: Quando questa opzione è selezionata, nell'intestazione della finestra dell'oggetto di lavoro compare l'icona della minimizzazione, purché sia consentito ridurre a icona l'oggetto. Ciò consente inoltre di ridurre a icona l'oggetto facendo doppio clic sull'intestazione.
  • Riduzione automatica a icona: Questa opzione diventa disponibile quando è selezionata l'opzione Consenti la minimizzazione. Quando la casella Riduzione automatica a icona è selezionata per molti oggetti di lavoro sullo stesso foglio, tutti gli oggetti tranne uno vengono automaticamente ridotti a icona in qualsiasi momento. Ciò è utile ad esempio per visualizzare molti grafici nella stessa area del foglio.
  • Consenti la massimizzazione: Quando questa opzione è selezionata, nell'intestazione della finestra dell'oggetto di lavoro compare l'icona della massimizzazione, purché sia consentito massimizzare l'oggetto. Ciò consente inoltre di massimizzare l'oggetto facendo doppio clic sull'intestazione. Se sono selezionate le opzioni Consenti la minimizzazione e Consenti la massimizzazione, facendo clic due volte l'oggetto verrà minimizzato.
  • Testo Guida: È possibile immettere un testo guida da visualizzare in una finestra pop-up. Il testo della Guida può essere definito come formula calcolata. Questa opzione non è disponibile a livello di documento. Fare clic sul pulsante ... per visualizzare la finestra di dialogo Modifica espressione in cui è possibile modificare più facilmente le formule lunghe.


    Sintassi di espressione per le formule calcolate

    Immettere una descrizione dell'oggetto di lavoro. All'intestazione della finestra dell'oggetto viene aggiunta un'icona di aiuto. Quando il puntatore del mouse è posizionato sopra l'icona, il testo viene visualizzato in una finestra pop-up.

Join the Analytics Modernization Program

Modernize by leveraging your QlikView investment to begin using Qlik Sense on the Cloud.

Want to know more?
Remove banner from view