File QVD

Un file QVD (QlikView Data) è un file contenente una tabella di dati esportati da QlikView. QVD è un formato di QlikView nativo e può essere solo salvato e letto da QlikView. Il formato file è ottimizzato per la velocità della lettura dei dati dagli script di QlikView e rimane comunque molto compatto. La lettura di dati da un file QVD è in genere 10-100 volte più veloce rispetto alla lettura da altre sorgenti dati.

I file QVD possono essere letti in due modalità, standard (veloce) e ottimizzata (più veloce). La modalità selezionata viene determinata automaticamente dal motore degli script QlikView. La modalità ottimizzata può essere utilizzata solo quando tutti i campi caricati vengono letti senza alcuna trasformazione (formule applicate ai campi), sebbene sia consentito modificare i nomi dei campi. La clausola WHERE per la decompressione dei record disattiverà anche il caricamento ottimizzato. Un file .qvd ottimizzato viene estratto e gestito in base al processo Extract-Transform-Load (ETL) standard quando viene eseguita la trasformazione di un campo. Questo determina una riduzione delle prestazioni. Il formato specificato non verrà mantenuto e verrà utilizzato e riconosciuto il formato numerico non elaborato sottostante. Le trasformazioni del campo in un file .qvd sono consentite, quindi il precedente file .qvd "ottimizzato" diventa un file .qvd non ottimizzato standard.

Un file QVD mantiene esattamente una tabella di dati ed è composto da tre parti:

  1. Un'intestazione XML (con set di caratteri UTF-8) che descrive i campi nella tabella, la presentazione delle informazioni successive e altri metadati.
  2. Tabelle di simboli in un formato di byte compressi.
  3. Dati effettivi della tabella in un formato a bit compressi.

Scopo dei file QVD

I file QVD possono essere utilizzati per numerosi scopi. Possono essere identificati facilmente almeno quattro utilizzi principali. A una qualsiasi situazione, è possibile applicare diversi utilizzi:

Incremento della velocità di caricamento

Spostando in memoria di blocchi di dati che non cambiano oppure che cambiano lentamente nei file QVD, l'esecuzione dello script diventa considerevolmente più veloce per grandi gruppi di dati.

Diminuzione del carico sui server di database

Anche la quantità di dati trasferiti da sorgenti dati esterne può essere ridotta considerevolmente. Questo riduce il carico di lavoro sui database esterni e il traffico di rete. Inoltre, quando molti script di QlikView condividono gli stessi dati è necessario solo caricarli una volta dal database sorgente in un file QVD. Le altre applicazioni possono utilizzare gli stessi dati tramite questo file QVD.

Consolidamento dei dati da applicazioni multiple di QlikView

Con l'istruzione di script binary è possibile caricare i dati da una singola applicazione QlikView in un'altra, mentre con i file QVD uno script QlikView può combinare dati provenienti da un qualsiasi numero di applicazioni QlikView. Questa possibilità amplia le prospettive per le applicazioni che consolidano dati simili da unità di impresa differenti.

Carico incrementale

In molti casi comuni, la funzionalità QVD può essere utilizzata per facilitare il carico incrementale, ad esempio per caricare esclusivamente nuovi record da un database in crescita.

Utilizzo dei file QVD per il carico incrementale

Creazione di file QVD

Un file QVD può essere creato utilizzando uno dei seguenti tre metodi:

  1. Creazione e denominazione esplicite utilizzando il comando store nello script QlikView. È sufficiente dichiarare nello script che si desidera che una tabella o una sua parte letta in precedenza sia esportata in un file con un nome esplicito in una posizione selezionata.
  2. Creazione automatica e manutenzione dallo script. Facendo precedere alle istruzioni load o select il prefisso buffer, QlikView crea automaticamente un file QVD che, in determinate condizioni, può essere utilizzato al posto della sorgente dati originale quando si ricaricano i dati.
  3. Creazione manuale esplicita e denominazione dalla presentazione o tramite l'Interprete interno di macro. I dati possono essere esportati dalla presentazione QlikView tramite i comandi GUI o macro di automazione. Nei comandi GUI QVD è indicato come uno dei possibili formati di esportazione con il comando Esporta..., disponibile nel menu dell'oggetto della maggior parte degli oggetti di lavoro.

    Interprete interno di macro

Non esiste differenza fra i file QVD risultanti, ad esempio per quello che riguarda la velocità di lettura ecc.

Lettura dei dati dai file QVD

Un file QVD può essere letto o modificato da QlikView tramite i seguenti metodi:

  1. Caricando un file QVD come una sorgente dati esplicita. I file QVD possono essere richiamati con un'istruzione load nello script QlikView, come un qualsiasi altro tipo di file di testo (csv, fix, dif, biff e così via). Estrazione guidata tabelle da file: Tipo gestisce i file QVD secondo gli stessi principi.

    Estrazione guidata tabelle da file: tipo

  2. Examples:  

    load * from xyz.qvd (qvd);

    load Name, RegNo from xyz.qvd (qvd);

    load Name as a, RegNo as b from xyz.qvd (qvd);

  3. Caricamento automatico di file QVD inseriti nel buffer Quando si utilizza il prefisso buffer nelle istruzioni load o select, non è necessaria alcuna istruzione esplicita per la lettura. QlikView determina in quale misura utilizzare i dati dal file QVD o acquisire i dati tramite l'istruzione load o select originale.
  4. Accesso ai file QVD tramite lo script. È possibile utilizzare numerose funzioni di script (ciascuna che inizia con qvd) per recuperare diverse informazioni sui dati individuati nell'intestazione XML di un file QVD.

    Funzioni di file

L'importazione di file QVD con gli asterischi non è supportata.